BIBLIOTECA DIGITALE GNOMONICA - LE FONTI

un progetto di Nicola Severino per   www.nicolaseverino.it

UPDATES

Gnomonica, seu ars describendi horologia solaria, non minus utilis est quam jucunda.

HOME

 

DIGITAL GNOMONIC LINKS                                      UPDATES PAGE 09   

 

Return to: Home - BDG: Le Fonti Uptades page 01 - Updates page 02 - Updates page 03

Updates page 04 - Updates page 05 - Updates page 06 - Updates page 07- Updates 08

 

Bedos de Celles, La Gnomonique Pratique, Paris, 1774

 

Di questo libro fondamentale della gnomonica francese settecentesca, ho segnalato le due edizioni del 1760 e del 1790 digitalizzate da Google Books. Purtroppo le splendide tavole gnomoniche presenti nel libro sono incomplete nella scansione di Google, risultando quasi tutte tagliate per metà. Segnalo quindi questa edizione integrale digitalizzata senz’altro in modo professionale e presentata da Gallica (il link però è della ETH Bibliothek di Zurigo), ove è possibile scaricare la copia completa in pdf di 125 Mb.

 

http://www.e-rara.ch/doi/10.3931/e-rara-1410

 

 

Davidis Gregorii [...] astronomiae physicae et geometricae elementa…”brevis ad calcem Horologiorum Sciotericorum tractatus…”, Volume 2, Genevae, 1726

 

http://books.google.it/books/download/Davidis_Gregorii_______astronomiae_physi.pdf?id=EjEVAAAAQAAJ&output=pdf&sig=ACfU3U2BeW76HzmDDHHuhMYxyCldnBSSaQ

 

Better sundial drawings resolution:

http://books.google.it/books/download/Davidis_Gregorii_____Astronomiae_physica.pdf?id=wtdNAAAAMAAJ&output=pdf&sig=ACfU3U3wHYbZeO7p7P4SSGeNIGPxl9-rdw

 

 

Fidati Bernardini e Societate Iesu Tabula sinuum rectorum, & versorum ...et Horologiorum descriptionem accomodata. Roma, 1636

 

Il gesuita Fidati pubblica in questo libretto le tavole di seno,tangente e secante, per ciascun minuto primo, ponendo il semidiametro in parti 100,000,000,000, quando Bartolomeo Pitisci e Cristoforo Griemberg, sempre gesuiti, avevano pubblicato quelle di parti 100,000. IN queste stesse tavole, nel cap. IV, tratta dell’uso del seno per la costruzione degli orologi solari.

 

http://books.google.it/books/download/Io__Bernardini_Fidati_e_Societate_Iesu_T.pdf?id=VVqkI5wTRxYC&output=pdf&sig=ACfU3U3myvzCjOgBf7HDfVmkpwiMtOe_0A

 

 

 

Calkoen van Beeck Jan Frederik, Dissertatio mathematico-antiquaria de horologiis veterum sciothericis. 1797.

 

Questa è una buona edizione digitale dell’edizione di questo importante libro sullo studio degli orologi solari degli antichi Romani e sul “prosciutto di Portici”. Se ne conosceva l’edizione digitale di Google dove si sa che le immagin i non sempre sono di buona qualità.

 

http://www.e-rara.ch/zut/content/titleinfo/405790

 

 

Regiomontano Giovanni, Ad Bessarionem cardinalem nicenum ac patriarcham Constantinopolitanu[m]: de compositione metheoroscopii Ioannis de Regiomonte epistola…Marburg, 1537

 

http://www.e-rara.ch/zut/astro-eth/content/titleinfo/130391

 

 

Graffenriedt (von)Durch Hanss Rudolff.. Compendium Sciotericorum : allen Kunstliebenden zu gutem in die Fäder gefast und an tag gegeben, 1617

 

Si aggiunge questa edizione del 1617 a quella già segnalata del 1629.

 

http://www.e-rara.ch/zut/astro-eth/content/titleinfo/273768

 

 

Gutsches Johann Georg, Beschreibung eines gnomischen Universal-Instruments : womit man auf eine mechanische Weise an allen beliebigen Orten Sonnen-Uhren verzeichnen kan, ohne auf deren Abweichung sehn zu dürfen, 1759

 

http://www.e-rara.ch/zut/astro-eth/content/titleinfo/339155

 

 

Boscovich Rogerii Josephi, Opera pertinentia ad opticam et astronomiam, maxima ex parte nova & omnia hucusque inedita, in quinque tomos distributa, Bassano del Grappa, 1875.

In questa opera di Boscovich si possono leggere due studi di interesse gnomonico:

 

 

    * Tomus quartus.

   

          - Opusculum XIII. De determinanda linea meridiana una cum linea aequinoctiali, altitudine poli, et declinatione Solis per tria extrema puncta umbrae gnomonis notata in plano horizontali, vel verticali. Accedunt, quae pertinent ad horologium solare.

          - Opusculum XVII. De errore inducto a refractione in usu horologii solaris annularis universalis methodo posteriore simpliciore.

 

http://www.e-rara.ch/zut/content/titleinfo/275828

 

 

Kircher Athanasius, Ars magna lucis et umbrae, Romae, 1646.

 

Una buona edizione scaricabile in modo completo e libero in formato pdf. Il file è di 250 mb circa.

 

http://www.e-rara.ch/zut/content/titleinfo/154657

 

 

 

Kessler Franz, Von Sonnuhren das Erste, Neuw, zuvor niemals gesehene Fundament, ietzo erstmahls ahn Tag gegeben durch Franciscum Kesslern, 1605

 

Aggiungo questo esemplare di Kessler, già riportato in questo sito in quanto qui si può scaricare come documento intero in formato pdf.

 

http://www.e-rara.ch/zut/astro-eth/content/titleinfo/267793

 

 

Moretti Paolo Gaetano, Tavole dell'hore planetarie perpetue. Bologna 1681

 

Includo questo volume per il fatto che esso è alquanto peculiare. Le tavole dei “reggenti” o delle ore Planetarie, sono un dettaglio grafico e gnomonico degli orologi solari “planetari”. In questo libro l’autore propone una lunghissima serie di tavole delle ore Planetarie “perpetue” nelle quali si vede quale pianeta domina in qualsiasi ora del giorno e della notte per tutto il tempo dell’anno, calcolate per dodici latitudini, da 39° 38’ a 49°. Non ci sono applicazioni gnomoniche, ma questo libro testimonia come l’ora Planetaria sia stato un sistema orario molto in voga nel ‘600 italiano, addirittura indispensabile per il computo del tempo insieme a quello Italico e per le credenze astrologiche.

 

http://www.e-rara.ch/zut/astro-eth/content/pageview/151541

 

 

Pinali J.A. Ricerche sulla latitudine geografica di Trento istituite ad uno gnomone.  Trento, 1819

 

Riporto questo testo, che non è specifico della materia, perché è sconosciuto, è in lingua italiana e riguarda un solo aspetto della gnomonica: la determinazione della latitudine di un luogo per mezzo di uno gnomone. L’autore, anch’esso sconosciuto a quanti si occupano di orologi solari, scrive questo libretto con l’intento di dare un suo personale contributo alla determinazione della latitudine di Trento, per la quale solo pochi uomini si sono adoperati fino al suo tempo, avendo congnizione dell’uso di uno strumento gnomonico che è praticamente una linea meridiana a camera oscura modificata nell’assetto per eliminare gli errori previsti di orizzontalità del piano gnomonico, della verticalità del foro gnomonico e via dicendo Egli scrive, infatti: “…mi sono indotto dietro gli eccitamenti di un celebre astronomo ad istituire una serie notabile di osservazioni sulla culminazione del sole, fatte ad uno gnomone a pertugio di riflessibile altezza, che ora minutamente espongo, acciò possano gli astronomi decidere del loro merito…..a questo genere di ricerche ho riputata opportuna una piccola stanza, larga poco meno di due metri e mezzo, situata sovra il pianterreno di questo Imp. R. Liceo….”. Per gli appassionati e storici locali di Trento, credo sia un libretto molto interessante che farà piacere avere nella propria libreria digitale.

Peccato che la scansione di google dell’immagine relativa al disegno dello strumento, sia come al solito incompleta perché la pagina originale è ripiegata su se stessa.

 

http://www.mdz-nbn-resolving.de/urn/resolver.pl?urn=urn:nbn:de:bvb:12-bsb10010891-3

 

 

Anonimo, Treatise on the making of astronomical instruments : manuscript, [early to mid 17th century?]. Date: 1600

Trattato sull’astrolabio.

 

http://hdl.handle.net/2027/mdp.39015081447453

 

 

Anonimo, Holroge du laboureur, Paris, 1799

 

Simpatico libretto sul come conoscere l’ora di notte attraverso l’osservazione delle stelle.

 

http://www.mdz-nbn-resolving.de/urn/resolver.pl?urn=urn:nbn:de:bvb:12-bsb10080787-3

 

 

Calandrelli  Ignazio, Descrizione scientifica del Circolo Meridiano collocato nel nuovo pontificio Osservatorio della Romana Università, Roma, 1855

 

http://www.mdz-nbn-resolving.de/urn/resolver.pl?urn=urn:nbn:de:bvb:12-bsb10049325-4

 

 

Fixlmillner Placidus, Meridianus speculae astronomicae Cremifanensis, Styra, 1765

 

Libretto in cui si illustra la linea meridiana della specola astronomica della Kremsmünster Abbey nell’Austria superiore. Vi è descritta anche l’osservazione di una eclisse di sole sulla linea meridiana.

 

http://books.google.it/books/download/Meridianus_speculae_astronomicae_Cremifa.pdf?id=HF0_AAAAcAAJ&output=pdf&sig=ACfU3U3bLDKjOwl4bkn25x7o6LsKyvKS2g

 

 

Schöner, Johannes, Tabulae astronomicae, quas vulgo, quia omni difficultate & obscuritate carent, resolutas vocant. Ex quibus cum erraticorum, tum etiam fixorum siderum, [...]

Melanchthon, Philipp, [Nürnberg] : [Petreius], [1536]

Horarii Cilyndrini Canones, Bamberg, 1515.

 

Riporto questa edizione delle Tabulae del 1536 in cui è ristampata l’edizione del 1515 dell’opera sul cilindro orario abbellita della bella figura dell’orologio.

 

http://www.e-rara.ch/zut/content/pageview/132066

 

   

 

Dobson Austin, The Sundial, a poem by Austin Dobson, New York, 1860.

 

Aggiungo questo libretto che non tratta di gnomonica tecnica, ma dell’aspetto sentimentale degli orologi solari. Aspetto che molto a cuore sta a tanti, forse tutti, gnomonisti che da sempre sono stati catturati oltre che dall’interesse scientifico delle meridiane, anche dal loro fascino trasmesso nei motti, a volte misteriosi. Un poema dunque dedicato agli orologi solari corredato di splendidi e suggestivi disegni.

 

http://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id=uc2.ark:/13960/t68343b82

 

 

DIGITAL GNOMONIC LINKS PROJECT - www.nicolaseverino.it July 2010