Roccasecca in Arte

di Nicola Severino

 

Roccasecca

Panorami

Chiese

Strade e Vicoli

Monumenti

Fontane

Stemmi e Particolari

Curiosità

Il Melfa

BORGO CASTELLO

La passeggiata archeologica

La casa di San Tommaso

Il Castello

CAPRILE

BIBLIOTECA DIGITALE

 

Home

CURIOSITA'

Benvenuti nel sito di Roccasecca in Arte a cura di Nicola Severino.

 GLI ASTROFILI DI ROCCASECCA

 

 

LA MERIDIANA SCOMPARSA

 

 

LA STELLA DI ROCCASECCA

 

Roccasecca o Rocca d'Aquino?

Mario Izzi De Vincolis propone di cambiare il nome della cittadina, ma sulla base di interessanti disquisizioni storiografiche...

 

La "Polvere di Roccasecca"

 

 

Il presepe nascosto

Lo sapevate che... nascosto tra i rovi che costeggia la strada di fronte al bivio che porta alla frazione Borgo Castello, c'è una piccola grotta che ospita un piccolo presepe con statue stilizzate in legno?

 

Roccasecca è più antica di quel che sappiamo?

Roccasecca è citata anche nella monumentale opera Dizionario di Erudizione Storico-Ecclesiastica da S, Pietro sino ai nostri giorni, compilato dal cavaliere Gaetano Moroni Romano secondo aiutante di camera di sua santità Pio IX, nel vol. LXVII, pubblicato in Venezia nel 1854. Alla pagina 217, trattando della storia di Sora, il Moroni ci offre la preziosa testimonianza di una citazione di Roccasecca in una "proposizione concistoriale" del 13 settembre del 1838. Da qui Moroni traccia un breve profilo storico della città di Roccasecca in cui ci sorprende nell'affermazione (pag. 218):

 "Dicesi edificato il paese (differenziandolo dal Castello ndr) nel 986 da Mansone abbate di Monte Cassino, ma presto e nel 993 fu distrutto, indi rifabbricato, nuovamente soggiacque a rovine nel 1125 nelle azioni guerresche tra Papa Onorio II e Ruggero normanno...".

Per chi è interessato al documento originale, viene riportato integralmente nelle tre pagine interessate nel link di questo sito dedicato ai documenti storici.

L'orologio di Santa Margherita

L'orologio della chiesa di Santa Margherita fu installato sul campanile nei primi anni del Novecento. Abbiamo la prova che nel 1903 era al suo posto e funzionale, come si può vedere dalle immagini qui sotto ricavate da cartoline dell'epoca gentilmente concesse a questo sito da Enrico Fava di Roccasecca.