Roccasecca in Arte

di Nicola Severino

 

Roccasecca

Panorami

Chiese

Strade e Vicoli

Monumenti

Fontane

 Stemmi e Particolari  

Curiosità

Il Melfa

BORGO CASTELLO

La passeggiata archeologica

La casa di San Tommaso

Il Castello

CAPRILE

BIBLIOTECA DIGITALE

 

Home

CHIESA DI SAN VITO SUL MELFA

Chiesa di S. Margherita in Roccasecca Centro - Chiesa di S. Francesco al Borgo Castello - Chiesa di San Tommaso al Castello - Chiesa dell'Annunziata al Borgo Castello - Chiesa di Santa Maria delle Grazie in Caprile - Chiesa di S. Filippo e Giacomo in Caprile - Chiesa rupestre di S. Angelo in Asprano - Chiesa di San Pietro a Campea - Chiesa di San Vito sul Melfa - Chiesa rupestre di Santo Spirito sul Melfa.

foto di Nicola Severino

La chiesa di San Vito sul Melfa è antichissima. La sua esistenza è testimoniata già dalla metà del secolo XI, almeno stando alle citazioni di R. Bonanni sulle donazioni fatte in quel tempo e conservate nell'archivio di Montecassino. Una di queste donazioni reca la data dell'aprile 1042 da parte di Giovanni, figlio di Magi di Aquino, mentre l'altra è del marzio del 1046 di un certo Alchisio, sempre di Aquino. La chiesa viene citata pure da Riccardo da San Germano: "apud S. Vitum de Melfia se contulit, ibique per dies aliquot venationem exercuit". Alla chiesetta era annesso un piccolo monastero, come anche per San Pietro in Campea, che era originariamente alle dipendenze del monsatero di S. Paolo in Roma e poi all'abbazia di Montecassino. Il convento però fu lasciato nel 1270. I frati vi ritornarono nei primi anni del 1300, come è attestato in un libro sulle decime che tali conventi erano tenuti a versare e in cui si parla anche del suo abate. Nessuna notizia si ha della chiesa nei secoli seguenti, fino alla sua soppressione avvenuta nel 1595.

Attualmente la chiesa è stata riattata, ma è chiusa e si presenta isolata, immersa nel silenzio a tratti interrotto solo dal vicino traffico dell'autostrada e dalle macchine per lavorare i campi. Davanti all'ingresso sono sistemati diversi reperti di epoca tardo-romana e probabilmente bizantina, come appare essere la statua, insieme a lastre ricche di iscrizioni latine.

La chiesa di San Vito sul Melfa come si presenta oggi al visitatore

La chiesetta come si presentava prima della riattazione. Foto da "Storia di Roccasecca" di Dario Ascolano

Il bel portale d'ingresso, squisitamente romanico

I reperti di epoca tardo-romana e bizantina, "buttati" davanti alla chiesa

 

La lapide commemorativa della battaglia sul Melfa

 

Una statua i cui lineamenti stilistici della mano fanno pensare all'epoca tardo-romana o forse bizantina

 

 

 

 

 

Il bellissimo verde del Melfa in cui è immersa la chiesetta nel lato Sud